Panorami Italiani

16 millimetri alla rivoluzione

Giovanni Piperno / Italia / 2023 / 65 ’/ Italiano  


Navigando liberamente attraverso le immagini prodotte per il PCI tra gli anni Cinquanta e gli Ottanta da grandi registi italiani e incontrando lo sguardo di Luciana Castellina, storica dirigente comunista, fondatrice del «Manifesto», mai ortodossa e ancora oggi instancabile animatrice politica, il racconto di Giovanni Piperno si chiede cosa sia stato quel “partito-giraffa”, come lo definì una volta Togliatti, strano eppure reale. Il film indaga su cosa rimanga oggi di quell’esperienza che ha coinvolto milioni di persone nel tentativo di trasformare sé stessi e il mondo. Nel viaggio riemerge il senso di una politica fatta di impegno, solidarietà, confronto e di una idealità capace ancora oggi di far battere molti cuori.
Oltre che sul senso della politica nella vita delle persone, 16 millimetri alla rivoluzione è anche un esempio di storiografia per immagini, che riscopre il cinema di quella generazione politica e un modo di fare film libero, sperimentale, dal basso, empatico, militante. Come Zavattini dice nel film, «un cinema di tanti per tanti».

con Luciana Castellina
un’idea di Giovanni Piperno, Luca Ricciardi
Sceneggiatura Alessandro Aniballi, Giovanni Piperno
Montaggio Paolo Petrucci
Suono in presa diretta Fabio Santesarti, Niccolò Bosio
Musiche originali Valerio Vigliar
Sound design e mix Riccardo Spagnol
Produzione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico – ETS
Produttore Luca Ricciardi
Archivi Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, Rai Teche

Giovanni Piperno
Giovanni Piperno ha diretto numerosi documentari tra i quali, Un thè sul set (co diretto con Laura Muscardin) al Festival di Venezia del 1995, Intervista a mia madre in onda su Rai 3, Il film di Mario trasmesso anche da ARTE (entrambi assieme ad Agostino Ferrente) e L’esplosione vincitore del Torino Film Festival 2003 e candidato ai David di Donatello 2004. CIMAP! centoitalianimattiapechino, ha partecipato al Festival di Locarno 2008 ed ha vinto il premio Libero Bizzarri 2009. Il film su la famiglia Agnelli, Il pezzo mancante, dopo la parte-cipazione al Torino Film Festival 2010, è uscito in sala nel 2011 e andato in onda su Rai 1. Le cose belle, codiretto con Agostino Ferrente, ha partecipato al Festival di Venezia 2012, vinto venticinque premi ed è uscito nelle sale italiane nel 2014. Con il film collettivo 9×10 novanta ha partecipato al festival di Venezia 2014. Alla Festa del Cinema di Roma 2015, nella sezione “Alice nella città”, ha presentato il cortometraggio Quasi Eroi che ha vinto il Nastro d’Argento come miglior corto del 2016. Dal 2017 è direttore del Perugia Social Film Festival, e dal 2020 insegna regia del documentario alla Scuola Gian Maria Volonté. Il suo ultimo lavoro Cipria è stato presentato al XL Torino Film Festival ed è uscito con successo nelle sale italiane a marzo del 2023.

3 maggio
17:00
Cinema Intrastevere
Sala 2
Interviene l’autrice 

share